STARTUP DELL’ANNO 2011

STARTUP DELL’ANNO 2011

Date 3 aprile 2011

E’ AMC Instruments la “Start up dell’anno” del 2011

L’assegnazione del Premio organizzato da PNICube in collaborazione con Microsoft e rivolto al miglior spin-off costituito nel 2007, si è svolta oggi a Bologna all’interno degli spazi espositivi della Fiera dell’Innovazione R2B

Bologna, 9 giugno 2010

E’ AMC Instruments, lo spin-off del Politecnico di Torino che opera nel settore della meccatronica, a vincere l’Edizione 2011 del Premio “Start Up dell’Anno”, l’iniziativa annuale organizzata da PNICube – l’Associazione che raggruppa gli incubatori di impresa universitari italiani – in collaborazione con Microsoft, che ha l’obiettivo di premiare la migliore start up ad alto contenuto di innovazione costituita cinque anni prima.

AMC Instruments costituita nel 2007 come tutte le finaliste che oggi erano in gara, prototipa e industrializza sistemi e dispositivi per il controllo non distruttivo di funi e manufatti metallici. Il sistema sviluppato è composto da uno strumento di misura elettromagnetico (detector) e da un acquisitore dati, in grado di rilevare e monitorare la presenza di anomalie interne ed esterne nelle funi e nei manufatti metallici ferromagnetici dovuti a danni, imperfezioni o corrosioni. Settori interessati: funiviario e quello ascensoristico. Il fatturato è stato di oltre 180mila euro nel 2010 e si prevede che sia di 4,5 mln nel 2015. L’azienda ha oggi sede al Polo Tecnologico dell’Incubatore Imprese Innovative I3P del Politecnico di Torino.
Per la vincitrice, oltre al premio in denaro e all’opportunità di accedere a un ampio network di possibili partner finanziari e industriali, è previsto il riconoscimento di “impresa accademica innovativa” da parte del Presidente della Repubblica.

Menzione d’onore per la bolognese Eugea e la triestina Sprin aziende per le quali il business è strettamente collegato all’ambiente.

Eugea offre soluzioni per la biodiversità in ambienti cittadini e nella pratica commercializza (attraverso un cooperativa sociale onlus) i Giardini di Eugea, confezioni contenenti dei semi da cui nasceranno piante in grado di fornire alimento e riparo ai numerosi insetti utili che popolano i nostri ambienti, anche cittadini. Coltivando le piante di Eugea quindi si può trasformare il proprio angolo verde in un oasi per il ripopolamento di insetti benefici, in particolare farfalle. All’interno del “giardino animato”, gli insetti utili potranno vivere e liberare le piante dai numerosi insetti dannosi. L’azienda nel 2010 ha fatturato oltre 200 mila euro che potrebbero superare quota 550 mila nel 2015.

Sprin invece lavora nell’ambito delle biotecnologie e fornisce prodotti e servizi che permettono di passare da processi chimici tradizionali a processi biotecnologici. Grazie a Sprin quindi, le aziende farmaceutiche, alimentari e della cosmetica potranno sostituire i solventi utili alle loro lavorazioni con acqua a temperatura ambiente. Notevole l’impatto ecologico dei nuovi processi ma anche il risparmio economico dovuto al mancato smaltimento di solventi. Con un fatturato di quasi 600mila euro nel 2010 l’azienda punta a raggiungere i 14 mln nel 2013.

La Giuria, composta da operatori di fondi di investimento, specialisti di early-stage financing e manager d’impresa nominati dall’Associazione PNICube, ha ritenuto inoltre di assegnare a RF Microtech, lo spin-off dell’Università di Perugia che fa parte del Polo Aerospaziale di Confindustria Umbria, un riconoscimento extra regolamento reso disponibile dal Consolato Britannico, che riconosce le potenzialità di internazionalizzazione dell’azienda. L’azienda, che opera nel settore delle tecnologie avanzate a microonde e radiofrequenze e offre servivi e consulenza nel campo della ricerca applicata nel settore dei dispositivi e apparati a microonde e radiofrequenze, ha chiuso il 2010 con un fatturato di oltre 850 mila euro (34% Italia, 58% CEE, 8% extra CEE) e prevede di raggiungere i 2 mln di euro entro il 2015. e un premio extra regolamento./p>

“Start Up dell’Anno – afferma Loris Nadotti, presidente di PNICubeè un’ottima passerella per le imprese perché hanno l’occasione di entrare in contatto con gli investitori istituzionali e con i business angels rappresentati in questa occasione dai membri della Giuria”.

Main sponsor dell’evento è Microsoft che, in contemporanea al Premio Start Up dell’Anno, ha consegnato il premio Imagine Cup la sfida tra studenti di talento che incoraggia le giovani menti ad immaginare tecnologie che cambino il mondo. I due eventi itineranti si sono svolti quest’anno alla Fiera di Bologna all’interno degli spazi espositivi della Fiera dell’Innovazione Research to Business, il salone della Ricerca industriale.

CONDIVIDI